magazzino raggio verde agricoltura
image-697
raggio-verde-logo

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Rimani aggiornato su offerte, eventi e novità Raggio Verde


phone
image-73

LA GESTIONE DELLO STRESS DA CALDO: UN ESEMPIO CONCRETO

13-09-2021 11:12

Raggio Verde

Attività Agronomica ed Esperienze di Campo, Ricerca e Fitoiatria, Cultura Agraria, Pomodoro, Cosmocel, Tyler, Stress colturale,

LA GESTIONE DELLO STRESS DA CALDO: UN ESEMPIO CONCRETO

Il concetto di stress è parte di una definizione molto ampia, suscettibile a diverse interpretazioni. Esso è definito come l’influenza svantaggiosa...

stresscaldo-1631523823.jpg

Il concetto di stress è parte di una definizione molto ampia, suscettibile a diverse interpretazioni. Esso è definito come l’influenza svantaggiosa, per le piante, di un fattore esterno, quale può essere la temperatura, la disponibilità di acqua, gli elementi minerali in eccesso o in difetto, la presenza di agenti di malattia o di danno, ecc., che singolarmente o in combinazione possono limitare l’attività di crescita e riproduzione. Lo stress colturale è “soggettivo”, strettamente dipendente dalle capacità adattative della genetica dei coltivati, che ne può direttamente condizionare la tolleranza e l’acclimatamento.

 

L’estate del 2021 è stata definita come la più calda in Europa negli ultimi 30 anni, cagionando non pochi problemi all’agricoltura intensiva della fascia trasformata siciliana, soprattutto a causa delle elevatissime temperature raggiunte in coltura protetta che, nonostante l’adozione di reti e ombreggiature, hanno influenzato in peggio le capacità vegeto-generative delle coltivazioni.

 

L’aumento esponenziale della temperatura è fortemente limitante in serra, dato che condiziona notevolmente la traspirazione vegetale e mette in seria crisi la vitalità degli organi riproduttivi e loro fisiologia. Si è parlato in un recente articolo, TEMPERATURE ESTREME, FISOPATIE E PROBLEMATICHE DI TARDA ESTATE, dei danni che gli elevati range termici possono arrecare a specie come il pomodoro in serra. Essi quindi comprendono:

  • inibizione della fotosintesi e della respirazione cellulari;
  • stabilità strutturale delle citomembrane;
  • limitata vitalità del polline (a causa di un ridotto metabolismo dei carboidrati negli organi maschili durante lo sviluppo);
  • maggiore concentrazione di stigmi exerti nei fiori sviluppati, ovvero di lunghezza superiore a quella degli stami, a causa di una non corretta e sincronizzata crescita del pistillo rispetto a quest’ultimi durante lo sviluppo (che contribuisce ad aumentare le mancate allegagioni);
  • marcato sviluppo di fitormoni della senescenza, acido abscissico ed etilene, a scapito di auxine, poliammine e gibberelline, e quindi determinando squilibri ormonali che limitano la corretta distribuzione dei fotosintetati;
  • aumentata ET (evapotraspirazione) della coltura, con ripercussioni sull’assorbimento e la trasclocazione di elementi come il Ca++, fondamentali per il corretto sviluppo dei frutti.
whatsappimage2021-09-11at10-41-19-1631524213.jpeg

A corredo di questa breve argomentazione, alcune foto di una coltura di pomodoro ciliegino gestita in condizioni di notevole stress da caldo. La coltura, dotata ora di 8-9 palchi in totale, deriva da trapianti effettuati in tarda estate, quindi sottoposta a “hot stresses” sin dalla crisi post-trapianto.

 

Essa si presenta pertanto tendente alla filatura, con diametro più ridotto dei fusti e allungamento degli stessi per effetto combinato delle alte temperature massime e l’ombreggiatura della serra. Pur nelle condizioni di crescita condizionata dal caldo, la varietà in questione, unitamente ai protocolli di contrasto allo stress, è riuscita a mantenere una accettabile fioritura e allegagione dei palchi presenti, garanzia di produttività. I protocolli si sono basati principalmente sull’adozione di specialità integrative per via fogliare, unitamente ad una fertirrigazione già facente uso di concimi ad elevata assimilazione e purezza (Tyler), per ottimizzare al massimo la nutrizione: 

  • fermentati naturali a base di molecole biochimicamente attive, in grado di riassettare l’equilibrio ormonale della coltura in condizioni di stress (Maxi-Grow, Cosmocel);
  • fosforo, azoto, estratti organici e L-amminoacidi (Fosfacel, Cosmocel), vitamine e fitormoni (Humifert, Cosmocel), per limitare gli effetti del malassorbimento di elementi come appunto il P e attivare le capacità metaboliche dei tessuti, mediante la disponibilità di un ricco pool di amminoacidi e vitamine.

 

La gestione degli stress da caldo è tuttavia possibile solo integrando le soluzioni agronomiche, d’impiego di varietà adattabili, cure colturali e di una corretta pianificazione di biostimolanti e concimi: ognuno di questi elementi contribuisce in varia misura alla mitigazione della problematica, limitando ove possibile i danni alle colture e quindi preservando parte importante della produttività.

Vuoi risolvere un problema in agricoltura o migliorare la resa delle tue colture? Contattaci!

fonti:

 

Gleason, M.L. and Edmunds, B.A. (2006) Tomato Diseases and Disorders. University Extension PM 1266, Iowa State University, Ames. 

 

Rick C.M. (1978): The Tomato. Scientific American, 239: 77-87.

 

https://www.georgofili.info/contenuti/aumento-delle-temperature-ed-allegagione-nel-pomodoro/15505


facebook
linkedin
instagram
raggio-verde-logo

RAGGIO VERDE SRL

 

Sede di PACHINO:

Contrada Pianetti, Snc

96018 - Pachino (SR)
Tel. 0931597717

info@raggioverdeagricoltura.it

PEC: raggioverde@legalmail.it

Sede di VITTORIA:

Via Str. per Scoglitti, 370

97019 - Vittoria (RG)

Tel. 340 645 4574

© Copyright Raggio Verde S.r.l. | Tutti i Diritti Riservati | Informativa sulla Privacy | Cookie Policy

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder