magazzino raggio verde agricoltura
image-697
raggio-verde-logo

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Rimani aggiornato su offerte, eventi e novità Raggio Verde


phone
image-73

DISORDINI FISIOLOGICI E NUOVI ASSETTI

08-05-2021 13:07

Raggio Verde

Attività Agronomica ed Esperienze di Campo, Ricerca e Fitoiatria, Cultura Agraria, Pomodoro, Cosmocel, Agriges,

DISORDINI FISIOLOGICI E NUOVI ASSETTI

Le turbe fisiologiche che coinvolgono organi vegetativi e frutti sono sovente manifestabili dalle piante in determinate condizioni e, specie nel...

Le turbe fisiologiche che coinvolgono organi vegetativi e frutti sono sovente manifestabili dalle piante in determinate condizioni e, specie nel pomodoro, possono rivelarsi anche in maniera particolarmente grave tali da determinare perdite produttive. Dette fisiopatie, esse spesso traggono origine da disfunzioni di tipo nutrizionale (coinvolgendo l’errata assimilazione o disponibilità di macro, meso e microelementi), ma anche da equilibri fitormonali (a causa condizioni ambientali di crescita sfavorevoli) e dall’azione dell’uomo (cure colturali non razionali, sistema di allevamento inidoneo, ecc.). 

 

La rilevazione delle fisiopatie in coltura non è un’operazione semplice: spesso se ne osservano gli effetti, in uno stadio più o meno precoce o avanzato, confondendo a volte i sintomi tra una fisiopatia e un’altra, a causa della genericità dei segni sulle piante (clorosi, necrosi). Tuttavia la specificità di organo può indicare indizi su una più precisa diagnosi.

 

Nel caso che riportiamo in questo articolo, presentiamo infatti una tipica alterazione a carico dei palchi di una coltura di pomodoro: le aree clorotiche dei sepali dei frutti che possono osservarsi in alcuni grappoli, indicano un chiaro segno della mancata formazione o distruzione dei pigmenti tipici delle aree verdi, come le Clorofille. Quest’alterazione è quasi sempre correlabile alla sensibilità varietale delle colture che ne sono colpite (è risaputo che molti organi vegetali subiscono una senescenza programmata, determinata e controllata da regolatori endogeni, in grado di attivare ordinatamente un gene specifico), ma anche l’ambiente può esserne il principale agente causale: sostanze gassose come l’etilene, ftalati derivanti da materie plastiche, ozono, ecc., possono influire sullo stesso biochimismo ormonale, determinando squilibri interni e l’attivazione genica verso stadi fenologici anomali, come una senescenza anticipata e/o la sovramaturazione dei frutti.

 

Purtroppo data la prevenzione quasi incerta di questi fenomeni, è necessario poter effettuare la somministrazione di specialità in grado di contrastarne la possibile incidenza, soprattutto in periodi favorevoli (sbalzi termici, stress abiotici, indurimento delle colture in fasi delicate come l’ingrossamento-maturazione dei frutti, allegagione, ecc.) e/o in condizioni di crescita e genetiche che possano favorirne l’espressione.

 

Come è possibile intervenire?

 

Sicuramente la via ideale è la distribuzione innanzitutto di promotori della fotosintesi, contenenti amminoacidi e microelementi primari dei pigmenti fondamentali come le Clorofille, limitandone anche gli effetti avversi di degradazione (Trasex, Cosmocel), quindi fitormoni come citochinine, auxine e gibberelline di origine naturale nelle più razionali quantità (Maxi Grow, Cosmocel), unitamente a mesoelementi fondamentali come il Ca++ (I’m Calcio, Agriges).

 

I risultati possono già ravvisarsi nel parziale recupero delle clorosi già in atto e, soprattutto, nella limitazione delle aree ingiallite nei palchi successivi alla comparsa della fisiopatia, in primo stadio di maturazione. È quindi ora fondamentale continuare nella somministrazione dei formulati, al fine di garantire il contenimento dell’alterazione e sostenere il recupero della qualità di prodotto perduta, per quanto possibile, al Produttore.

Vuoi risolvere un problema in agricoltura o migliorare la resa delle tue colture?

Contattaci!

fonti:

 

Kristen A. Hadfield and Alan B. Bennett, Programmed senescence of plant organs, (Review) Cell Death and Differentiation (1997) 4, 662-670

 

Xie Q, Hu Z, Zhu Z, et al. Overexpression of a novel MADS-box gene SlFYFL delays senescence, fruit ripening and abscission in tomato. Sci Rep. 2014;4:4367. Published 2014 Mar 13. doi:10.1038/srep04367

 

Zhang, Y., Li, Z., Tu, Y. et al. Tomato (Solanum lycopersicum) SlIPT4, encoding an isopentenyltransferase, is involved in leaf senescence and lycopene biosynthesis during fruit ripening. BMC Plant Biol 18, 107 (2018). https://doi.org/10.1186/s12870-018-1327-0


facebook
linkedin
instagram
raggio-verde-logo

RAGGIO VERDE SRL

 

Sede di PACHINO:

Contrada Pianetti, Snc

96018 - Pachino (SR)
Tel. 0931597717

info@raggioverdeagricoltura.it

PEC: raggioverde@legalmail.it

Sede di VITTORIA:

Via Str. per Scoglitti, 370

97019 - Vittoria (RG)

Tel. 340 645 4574

© Copyright Raggio Verde S.r.l. | Tutti i Diritti Riservati | Informativa sulla Privacy | Cookie Policy

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder