magazzino raggio verde agricoltura
image-697
raggio-verde-logo

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Rimani aggiornato su offerte, eventi e novità Raggio Verde

COLTIVARE IN PENURIA IDRICA? OGGI È POSSIBILE

02-08-2022 17:15

Raggio Verde

Attività Agronomica ed Esperienze di Campo, Ricerca e Fitoiatria, Cultura Agraria, Cosmocel,

COLTIVARE IN PENURIA IDRICA? OGGI È POSSIBILE

L’aumento delle temperature, la siccità diffusa degli ultimi anni, la desertificazione che avanza e la salinizzazione delle acque e dei suoli sempre...

maxikare-copertina.jpeg

L’aumento delle temperature, la siccità diffusa degli ultimi anni, la desertificazione che avanza e la salinizzazione delle acque e dei suoli sempre più propagata, sono ormai la norma con cui si confronta oggi la moderna agricoltura. Il pedoclima è difatti traumatizzato da continui estremi: temperature elevate nel periodo estivo, rigido e lungo inverno nella prima parte dell’anno.

 

Ne derivano piante coltivate sempre più soggette a frequenti stress di tipo abiotico, ben più preoccupanti rispetto a fattori biotici, come la presenza di insetti fitofagi o fitopatie di origine crittogamica, batterica o virale. 

 

La risorsa idrica, sempre più preziosa e limitata, condiziona negli ultimi tempi l’andamento delle coltivazioni, sia in pieno campo che in serra. La qualità, soprattutto, ne sortisce gli effetti peggiori, arricchendosi di elementi che ne deteriorano l’adattabilità alle colture solitamente in uso nel territorio. La intensa evaporazione, infatti, a causa delle elevate temperature, favorisce la risalita e la concentrazione, negli strati di suolo e nelle stesse fonti idriche disponibili, dei Sali presenti.

 

Tra di essi, spicca sicuramente il Cloruro di Sodio (NaCl), altresì portato dall’infiltrazione di fonti marine direttamente nelle falde e negli specchi d’acqua superficiali, così come confermato dagli eventi attuali di questi ultimi mesi, con grandi fiumi e specchi d’acqua (quali lo stesso Po’!), non solo disidratati, ma con acqua marina reimmessa direttamente alle foci. 

 

Come noto, l’NaCl è un limite alla crescita di gran parte delle colture che, sebbene presentano diverse sensibilità, all’esposizione con il sale tendono sempre a mostrare differenti livelli di fisiopatie e andamento anomalo del metabolismo. Il Cloruro di Sodio è fonte di Na+, antagonista di cationi importanti come il Ca++, il Mg++ e, soprattutto, il K+, cui tende sempre a sostituire come regolatore osmotico nei tessuti vegetali, con ripercussioni su crescita pianta e accrescimento dei frutti. 

 

Il Na+ immesso con l’acqua irrigua destruttura il suolo, interferisce con le aperture stomatiche delle foglie e impedisce, di fatto, processi come la fotosintesi e la crescita vegetale. Ne consegue come sia fondamentale limitare fortemente l’accumulo e l’azione del NaCl nel substrato, adottato strategie tecnico-agronomiche quanto più efficaci possibile. Gli interventi agronomici sono unicamente rivolti all’ausilio di desalinizzanti e alla lisciviazione del suolo i quali, in presenza di scarsità idrica, sono fortemente limitati e di uso difficoltoso.

 

Tuttavia, oggi, la ricerca su tecnologie di formulato ha consentito il raggiungimento di risultati notevoli per lo sviluppo delle colture, nonostante la presenza di fattori abiotici di disturbo come lo stesso NaCl e la relativa disponibilità idrica: è possibile ottimizzare le risorse limitatamente fruibili come l’acqua irrigua, coltivando su substrati salinizzati dalla stessa e ottenendo ugualmente lo sviluppo delle piante in presenza di ioni come NaCl, mediante l’ausilio di specifici Biostimolanti. 

 

Tra questi nuovi formulati disponibili, Maxikare (Cosmocel) sembra essere uno dei più promettenti: trattasi di una specialità ottenuta da processi di fermentazione batterica di substrati vegetali, contenenti biomolecole d’alta attività metabolica, ovvero citochinine, auxine e gibberilline ottimali per ogni fenofase di crescita.

 

La presenza di molecole biochimicamente attive, consente anche un migliore effetto veicolante, riducendo l’energia necessaria per le piante durante l’assorbimento a livello delle radici, bypassando di fatto l’azione di antagonismo dell’NaCl. In questo modo le piante sono in grado di concentrarsi nell’adattamento ai fattori abiotici di disturbo, limitando la produzione di sostanze dannose che favoriscono la senescenza anticipata dei tessuti, come i radicali liberi (ioni superossido, acido abscissico, etilene, ecc.) e la scomparsa di pigmenti attivi come la Clorofilla, a causa della presenza invasiva di Na+ e Cl-.

 

La presenza di fitormoni e il mantenimento dei processi biologici fondamentali, consente inoltre alle piante di mantenere aperti gli stomi nonostante la presenza di un substrato osmoticamente attivo a causa del contenuto di NaCl, mantenendo attivi il flusso xilematico e quindi l’approvvigionamento dei nutrienti.

 

Ne consegue, quindi, che utilizzando formulati come MaxiKare, le piante subiscono limitatamente gli effetti della salinità dell’acqua irrigua utilizzata, o della sodicità del suolo in cui esse si sviluppano, raggiugendo agevolmente le diverse fenofasi, con apparati fogliari ampi e ottimale aspetto vegeto-riproduttivo delle piante (vedi il video allegato sotto).

A tali formulati è possibile, ovviamente, miscelare altre specialità o ammendanti, come radicanti a base di L-amminoacidi, fosforo (Rootex, Cosmocel) e complessati umico/fulvici (H-85, Cosmocel), in grado di lenire gli effetti della presenza diretta del Na+, migliorando le caratteristiche fisico-chimiche del substrato mantenendo umettati gli strati immediatamente vicine la rizosfera e stimolando la crescita di apparati radicali sempre più ampi (vedi il video allegato sotto). 

In definitiva, utilizzare Biostimolanti rappresenta uno dei cardini per il superamento di eventi abiotici in grado di limitare fortemente la crescita delle colture, come la penuria di acqua e l’NaCl in terreni e/o acque irrigue, favorendo l’umettamento e una migliore capacità di adattamento con sostanze biochimicamente attive e veicolanti: tra le strategie, MaxiKare somministrato periodicamente, e il connubio Rootex/H85. Tali strategie devono essere opportunamente valutate in base al contesto pedoclimatico e produttivo, mediante il consulto di professionisti e tecnici esperti, disponibili per qualsiasi chiarimento.

Siamo specializzati nella distribuzione e vendita dei migliori prodotti per l'agricoltura

CONTATTACI

fonti:

"Crop nutrition in hydroponics". Acra Horticolturae, n.323, 289-305

Good Agricultural Practices for greenhouse vegetable crops:

Principles for Mediterranean climate areas, FAO, 2013


facebook
linkedin
instagram
raggio-verde-logo

RAGGIO VERDE SRL

 

Sede di PACHINO:

Contrada Pianetti, Snc

96018 - Pachino (SR)
Tel. 0931597717

info@raggioverdeagricoltura.it

PEC: raggioverde@legalmail.it

Sede di VITTORIA:

Via Str. per Scoglitti, 370

97019 - Vittoria (RG)

Tel. 340 645 4574

© Copyright Raggio Verde S.r.l. | Tutti i Diritti Riservati | Informativa sulla Privacy | Cookie Policy

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder